English (US) | Italiano

CLASSE SAN GIORGIO

INCROCIATORI CORAZZATI SAN GIORGIO (12) (CAPOCLASSE) E SAN MARCO (10).
DI OLTRE 140 MT DI LUNGHEZZA E CIRCA 10.000 TONNELLATE DI DISLOCAMENTO, FURONO VARATI NEL 1908, A POCHI MESI UNO DALL’ALTRO, NEL CANTIERE NAVALE DI CASTELLAMMARE DI STABIA.
ALLA COSTRUZIONE, L’ARMAMENTO PRINCIPALE, DISPOSTO IN DUE TORRI CORAZZATE BINATE A PRUA E A POPPA, E QUELLO SECONDARIO, IN 4 TORRI BINATE POSTE LUNGO LE FIANCATE A MEZZA NAVE, CONSISTEVANO ESSENZIALMENTE DI:
• N. 4 CANNONI DA 254/45 mm., MOD. 1907;
• N. 8 CANNONI DA 190/45 mm., MOD. 1908:
COMPLETAVANO IL SISTEMA DA COMBATTIMENTO:
• N. 18 CANNONI DA 76/40 mm MOD. 1916 R.M.
• N. 2 CANNONI DA 47/40 mm.,
• N. 3 TUBI LANCIASILURI DA 450 mm.,
• N. 2 MITRAGLIERE.
LE UNITÀ DIFFERIVANO TRA DI LORO ESSENZIALMENTE PER L’APPARATO MOTORE CHE UTILIZZAVA, COME FONTE PRIMARIA DI ENERGIA, IL VAPORE PRODOTTO DA 14 CALDAIE, PER AZIONARE 2 MOTRICI ALTERNATIVE VERTICALI PER IL SAN GIORGIO E 2 TURBINE A VAPORE PER IL SAN MARCO.
ESSE FURONO PROTAGONISTE DEGLI AVVENIMENTI ACCADUTI NELLA PRIMA METÀ DEL XX SECOLO:
• 1911/1912 - GUERRA ITALO-TURCA (OPERAZIONI NAVALI NEL MEDITERRANEO MERIDIONALE E ORIENTALE)
• 1915/1918 - I G.M. (OPERAZIONI NAVALI NEL MAR ADRIATICO).
IN SEGUITO:
• IL SAN GIORGIO, RIMODERNATO, FU IMPIEGATO PER LE CAMPAGNE DI ADDESTRAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL’ACCADEMIA NAVALE DI LIVORNO.
NEL GIUGNO DEL 1940 FU POSTO A DIFESA DELLA BASE DI TOBRUK E NEL GENNAIO 1941, PER NON CADERE IN MANO NEMICA, SI AUTOAFFONDÒ. IL RELITTO, RECUPERATO NEL 1951, ANDÒ PERDUTO DURANTE IL TRAINO VERSO L’ITALIA A CIRCA 100 MIGLIA DAL PORTO LIBICO.
• IL SAN MARCO DAL 1931 AL 1935 FU UTILIZZATO COME BERSAGLIO MOBILE RADIOCOMANDATO PER TEST DI SIMULAZIONE DI GUERRA NAVALE.
DURANTE IL SECONDO CONFLITTO MONDIALE, NEL 1941 ALLA SPEZIA, PROTETTO DA RETE PARASILURI, FU L’OBIETTIVO DEGLI INCURSORI PER ESERCITAZIONI, SIA CON SILURI A LENTA CORSA CHE CON UOMINI-GAMMA.

“SAN GIORGIO” CLASS
SAN GIORGIO AND SAN MARCO, OVER 140 METERS LONG AND ABOUT 10,000 TONS OF DISPLACEMENT, WERE LAUNCHED IN 1908, A FEW MONTHS FROM EACH OTHER, IN THE SHIPYARD IN CASTELLAMMARE DI STABIA.
AT THE CONSTRUCTION, THE MAIN ARMAMENT WAS ARRANGED IN 2 ARMORED BINATE TOWERS AT THE BOW AND STERN, AND THE SECONDARY ONE IN 4 BINATE TOWERS PLACED ALONG THE HALF-SHIP SIDES; THE WHOLE ARMAMENT WAS:
• 4, 254/45 mm GUNS., MOD. 1907;
• 8, 190/45 mm GUNS, MOD. 1908;
• 18, 76/40 mm MOD GUNS. 1916 R.M;
• 2, 47/40 mm GUNS;
• 3, 450 mm TORPEDO LAUNCHERS;
• 2, MACHINE GUNS
THE SHIPS DIFFERED MAINLY IN THE ENGINE APPARATUS WHICH USED, AS PRIMARY SOURCE OF ENERGY, THE STEAM PRODUCED BY 14 BOILERS. IT ACTUATES TWO VERTICAL ALTERNATIVE MOTORS IN SAN GIORGIO AND 2 STEAM TURBINES IN SAN MARCO.
THEY WERE PROTAGONIST OF THE EVENTS THAT OCCURRED IN THE FIRST HALF OF 20TH CENTURY:
• 1911/1912 ITALIAN-TURKISH (NAVAL OPERATIONS IN THE SOUTHERN AND EASTERN MEDITERRANEAN SEA)
• 1915/1918 – WWI (NAVAL OPERATIONS IN THE ADRIATIC SEA).
FOLLOWING:
• SAN GIORGIO, REFURBISHED, WAS USED FOR THE TRAINING CAMPAIGNS OF SNOTTIES NAVAL ACADEMY IN LEGHORN. IN JUNE 1940 SHE WAS PLACED IN DEFENSE OF TOBRUK AND IN JANUARY 1941, IN ORDER NOT TO FALL INTO ENEMY HANDS, SHE DROWNED HERSELF. THE WRECKAGE, RECOVERED IN 1951, WAS LOST WHILE TOWING TO ITALY ABOUT 100 MILES OUT OF THE LIBYAN PORT.
• SAN MARCO, FROM 1931 TO 1935, WAS USED AS A RADIO-CONTROLLED MOBILE TARGET FOR NAVAL WARFARE SIMULATION TESTS. DURING WWII, IN LA SPEZIA IN 1941, PROTECTED BY ANTITORPEDO NETS, WAS THE TARGET OF THE RAIDERS FOR PRACTICE EXERCISES, BOTH WITH SLOW-RUNNING TORPEDOES AND WITH GAMMA-MEN.

Lingua preferita

English (US) | Italiano

Immagine casuale

Lingua preferita

English (US) | Italiano

Statistiche galleria

  • Versione: 3.1.2
  • Album: 1064
  • Foto: 7616
  • Hit: 9502513